Le infezioni da Candida: riconoscerle per risolverle

Spesso le persone con diabete arrivano a evitare di discutere con il loro medico dei disturbi da infezione micotica, perchè ritengono che siano sintomi ricorrenti e difficili da debellare. Le infezioni micotiche più frequenti sono legate alla crescita fuori controllo di un fungo, che può essere presente sulla pelle o sulle mucose, noto come Candida albicans. Per esempio, i sintomi di un’infezione vaginale da Candida sono prurito, bruciore, e la presenza di secrezioni biancastre mentre i sintomi cutanei sono una zona di ipopigmentazione oppure un eritema pruriginoso alle pieghe inguinali o sottomammarie.
Uomini e donne diabetici a rischio sono soprattutto quelli con glicemie fuori controllo, perché sono proprio le concentrazioni di glucosio elevate nell’organismo che fanno da terreno favorevole allo sviluppo della Candida. Inoltre, alcune cellule del sistema immunitario, che sono coinvolte nei processi di difesa dall’infezione fungina, non sono così efficaci in queste situazioni; ad esempio, i granulociti neutrofili hanno difetti sia nelle attività di movimento sia nelle reazioni enzimatiche.

Le infezioni da Candida possono essere favorite anche da condizioni non diabete-correlate. Ad esempio, le terapie antibiotiche possono distruggere l’equilibrio della flora batterica e portare ad una prevalenza di funghi in alcune zone dell’organismo, come la zona vaginale, dove arrivano a farla da padroni, soprattutto nelle donne in menopausa, dove la carenza di estrogeni è un altro fattore di rischio, e nelle donne che stanno utilizzando contraccettivi di barriera, come diaframmi e anelli vaginali.
Esistono dei prodotti specifici come creme e lozioni, che però non vanno applicati per pochi giorni; se le infezioni da Candida sono ricorrenti è probabilmente più utile un trattamento con un farmaco specifico per via orale, sempre su indicazione medica. Non dimentichiamo poi che il controllo glicemico previene le recidive dell’infezione.
Ecco un semplice elenco di abitudini per combattere le infezioni da Candida
1. Indossare tessuti traspiranti. Per esempio, indossare indumenti intimi di cotone.
2. Seguire semplici regole igieniche, come ad esempio quella di evitare che le aree genitali e le pieghe inguinali/sottomammarie siano umide.
3. Scegliere il giusto preservativo. Quelli con spermicidi possono favorire le infezioni da Candida nella donna.
4. Evitare saponi e altri prodotti profumati, che potrebbero alterare il pH vaginale, portando a un danno della flora batterica e, di conseguenza, a favorire le infezioni da Candida.
Da: American Diabetes Association Diabetes Forecast The Healthy Living Magazine 2017.
Condividi queste informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *