Il futuro? Arriverà con la smart insulin!

Dal prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) arrivano risultati davvero promettenti dall’impiego di un’insulina modificata nel trattamento del diabete tipo 1 in un modello animale. Ma cosa ha di speciale questa insulina ? E’ davvero “smart” – cioè intelligente – perché si attiva solo in risposta ad aumenti dei livelli circolanti di glucosio grazie alla sua struttura particolare, perché costituita da due molecole, una che fa da sensore del glucosio e l’altra che permette a questo tipo di insulina una lunga durata d’azione, stimata di almeno 13 ore.

La somministrazione della smart insulin in topi con diabete tipo 1 ha portato a normalizzazione della glicemia indipendentemente dai livelli di glucosio di partenza, anche a distanza di molte ore dall’iniezione. La speranza dei ricercatori del MIT è di progredire nelle conoscenze su questa insulina, in modo da rendere possibile l’impiego nell’uomo in un futuro non troppo lontano.
Da: Chou D. e coll. Proc. Natl. Acad. Sci. USA 2015 doi: 10.1073/pnas.1424684112
Condividi queste informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *