Con l’uso del microinfusore si abbatte il rischio cardiovascolare ?

Durante il Congresso dell’European Association for the Study of Diabetes (EASD), che si è recentemente svolto a Vienna, sono stati presentati i risultati di un grosso studio osservazionale svedese su soggetti diabetici di tipo 1, che ha confrontato la prevalenza di eventi cardiovascolari e il loro esito in quelli in terapia con microinfusore rispetto a quelli in terapia multi-iniettiva con le penne.
Le conclusioni dei ricercatori – capitanati dalla dott.ssa Soffia Gudbjörnsdottir – sono impressionanti: il rischio per malattie cardiovascolari è ridotto quasi della metà e la mortalità quasi di un terzo nei soggetti con microinfusore.

La raccolta dei dati è iniziata nel 2005, utilizzando un Registro appositamente creato in Svezia per i soggetti con diabete tipo 1, e ha coinvolto 18000 persone, di cui 2441 con microinfusore.
Da questi dati emerge una considerazione, sottolineata durante la presentazione della ricerca all’EASD: la grossa differenza emersa tra i due gruppi potrebbe in parte dipendere dal fatto che le persone diabetiche con microinfusore hanno una migliore capacità di risolvere i problemi che via via emergono durante la gestione della malattia sia per caratteristiche personali (i soggetti sono in genere più giovani e meno gravati da altri problemi di salute) sia per una maggiore possibilità di interagire con gli educatori.
European Association for the Study of Diabetes, Vienna, 18 settembre 2014.
Condividi queste informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *