Alzarsi ogni tanto dalla scrivania aiuta

      Nessun commento su Alzarsi ogni tanto dalla scrivania aiuta
Uno studio australiano suggerisce pause frequenti per chi svolge lavori sedentari per prevenire diabete di tipo 2 e altri disturbi correlati.

Alzarsi dalla scrivania, stiracchiarsi e fare quattro passi: basta questo, secondo i ricercatori del Baker IDI Hearth and Diabetes Institute di Melbourne, per abbassare i livelli di glucosio e insulina nel sangue fino al 30%, aiutando a prevenire diabete e disturbi cardiovascolari in chi svolge un lavoro sedentario.

Per chi lavora in ufficio e sta seduto per molte ore al giorno, due minuti di attività leggera e ripetuta, come può essere alzarsi dalla sedia e andare alla stampante oppure fare le scale invece di prendere l’ascensore, possono infatti contribuire a tenere sotto controllo i picchi di zuccheri nel sangue che si verificano soprattutto dopo i pasti. Purchè si faccia una piccola pausa ogni 20 minuti, come è emerso dallo studio australiano condotto su lavoratori sedentari di 45-65 anni di età con problemi di sovrappeso o obesità: nei partecipanti che hanno interrotto l’attività lavorativa per brevi sessioni di attività fisica ripetute nel corso della giornata, infatti, sono stati registrati livelli di glucosio e insulina significativamente più bassi rispetto a chi stava seduto alla scrivania per 5 ore di fila senza alcuna pausa.

“Quando siamo seduti – spiega il Prof. David Dunstan, a capo dello studio di ricerca – i nostri muscoli sono ‘addormentati’. Non appena ci alziamo e iniziamo a muoverci, la semplice contrazione risveglia la muscolatura e contribuisce a regolare il metabolismo. Una vita sedentaria è un fattore di rischio non solo per il diabete di tipo 2 ma anche per altri disturbi cronici, perciò questi risultati incoraggiano uno stile di vita più attivo per ottenere maggiori benefici per la salute”. Segretarie, operatori di call-center o autisti dovrebbero, quindi, assumere la buona abitudine di sgranchirsi le gambe frequentemente durante le ore di lavoro. Ma come spezzare la sedentarietà in ufficio? Non è necessario fare un’attività fisica intensa, come se si fosse in palestra perché, a quanto spiegano i ricercatori, si ottengono gli stessi risultati sul controllo metabolico anche con dei semplici accorgimenti che meglio si adattano all’ambiente di lavoro. Come ad esempio, fare una passeggiata in pausa pranzo, stare in piedi mentre si parla al telefono e, in generale, approfittare di ogni occasione per alzarsi dalla sedia.
Condividi queste informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *